Come controllare statore, Regolatore di tensione e Batteria

Cougar34/ 31 Ottobre, 2018/ Guide/ 17 comments

Come controllare statore e Regolatore di tensione e Batteria

In questo articolo vi mostrerò alcuni passaggi per vedere se il malfunzionamento della vostra moto è dato dalla rottura del regolatore di tensione o dello statore, o semplicemente dalla batteria scarica.

Se la vostra moto si scarica velocemente o perde colpi questo articolo vi interessa.

La prima cosa per identificare il componente da sostituire è munirsi di un multimetro: un comunissimo tester, e iniziare a fare delle misurazioni anche senza smontare i componenti dalla moto.

La prima misurazione da fare è quanti volt ha la batteria con e senza moto accesa.

Per fare questo bisogna selezionare sul tester la tensione in continua, mettere i puntali sui morsetti della batteria.
A moto spenta vedrete una tensione di 12,3 – 12,8 volt, se la batteria è abbastanza carica una volta acceso il motore questa tensione dovrebbe salire su valori superiori a 13 volt.

Aumentando il regime di rotazione del motore i volt dovrebbero arrivare a circa 14.4-14.5 volt. Se questa tensione dovesse essere più grande 16-18 volt, abbiamo già identificato il problema nel regolatore di tensione che non fa più il suo dovere e quindi va sostituito prima che arrechi seri danni alla batteria.

Nel caso in cui la tensione, a motore acceso, dovesse essere più bassa di 14 volt allora dobbiamo vedere se lo statore o meglio i campi dello statore sono ancora efficienti.
Per fare questo bisogna staccare il connettore che esce dallo statore e va al regolatore tensione. Lo riconoscete perché è il connettore che ha solo fili gialli.

Molto spesso è un connettore con tre fili perché lo statore è trifasico.

Usando sempre il multimetro, questa volta misurando la Resistenza,

dobbiamo calcolare gli ohm degli avvolgimenti.

Puntiamo sui connettori dello statore facendo tutte le combinazioni, vedremo che la resistenza si aggira su 0.3-0.9 ohm (dipende dallo statore che ha la nostra moto).
Se dovessimo avere una resistenza infinita il tester non darà segnali, allora abbiamo sicuramente un problema a un campo.

Altro controllo da fare è vedere se qualche avvolgimento fosse in corto.
Selezionare l’opzione continuità

e mettere un puntale del tester su una fase e l’altro sul negativo della batteria oppure ad una massa della moto, come il telaio.
Fare questa prova con tutte le fasi dello statore, se dovesse suonare il tester abbiamo trovato la fase in corto circuito.

Un campo rotto o bruciato avviene quando le temperature sono troppo alte e si rovina la resina protettiva che isola gli avvolgimenti.

Statore bruciato

Può avvenire, come è successo a me, che due campi si brucino e facciano corto tra loro, in questo caso il tester emetterà il suono anche puntando i connettori. Ricordiamoci di fare sempre tutte le combinazioni.

Altro ed ultimo test, che si può fare, è leggere la tensione in uscita dallo statore.
Questo test deve essere fatto per poco tempo, perché va scollegato lo statore dal regolatore di tensione e quindi dal circuito della moto.
La moto andrà ad assorbire esclusivamente la corrente dalla batteria senza la ricarica proveniente dallo statore. Ecco perché è un test da fare in un lasso molto corto di tempo.

Bisogna selezionare sul multimetro la tensione in alternata (invece sulla batteria è in continua ricordiamocelo). La corrente che esce dallo statore essendo corrente indotta è una corrente alternata.

Puntare i tre morsetti, facendo come sempre tutte le varie combinazioni e vedere la tensione in uscita, avremmo valori molto alti e variabili anche 50-100 volt. Questo test deve essere fatto con un regime del motore ben fisso, perché la tensione varia molto con il numero di giri.
Se i valori, a regime di rotazione del motore costante, sono molto diversi tra di loro, uno o più avvolgimenti non sono più prestazionali e probabilmente sono bruciati.

Dopo tutte queste prove avremo identificato il problema della nostra moto, senza smontare nulla.

Torna alla sezione Guide

Share this Post

17 Comments

  1. si, ma il regolatore??

  2. “…leggere la tensione in uscita dallo statore. Questo test deve essere fatto per poco tempo, perché va scollegato lo statore dal regolatore di tensione e quindi dal circuito della moto.”

    Bell’articolo, ma su questo non sono d’accordo.
    Con batteria carica e circuito di ricarica scollegati (statore-regolatore), a luci spente si può perfino viaggiare tranquillamente per qualche ora.

    1. Con tutto in piena efficienza sì, ha ragione. Ma a fari spenti non si può circolare e sulle moto ad iniezione gli assorbenti sono molti uno tra tutti la pompa della benzina. Comunque dato che è un test da fare non vedo il perché una persona dovrebbe farci i km con il multimetro attaccato. Sempre meglio dare una accortezza di più che una in meno per non far rimanere la gente a piedi.

  3. Ciao, io non rilevo corrente in uscita dallo statore, ne ho preso uno nuovo su e-bay montato e riprovato e non va uguale. Cosa puo essere?
    Oltre a statore nuovo difettoso

    1. all’uscita dello statore devi leggere la tensione non la corrente.

  4. Un bell’articolo con spiegazioni semplici e precise.
    Io che sono un ignorante totale in materia di roba elettrica l’ho trovato moltissimamente utile.
    Grazie

  5. Salve è per verificare il pick up

    1. Un test velocissimo per il pick up consiste nel mettere i puntali del tester, mettendolo in continuità, sul connettore e facendo girare il volano raggiunto il punto dovrebbe suonare e/o dare un valore

  6. Salve a tutti possiedo un quad access 400. Avendo problemi con la corrente nel senso che non carica la batteria ho visitato il vostro sito.
    Ho fatto il test della batteria e del regolatore di tensione e sono ok
    Per quanto riguarda lo statore: quando misuro gli ohm si dice 0.8 quindi penso sia apposto. Poi ho fatto il test per vedere se gli avvolgimenti sono in corto è collegando un puntuale sul negativo della batteria e l’altro rosso sui campi dello statore il tester suonava in tutte e tre i campi.. ciò vuol dire che dovrei cambiare lo statore ?
    Grazie in anticipo a chi risponderà

    1. Buonasera, provi a fare la prova in moto per vedere quanti volt erogano i vari campi

  7. Ciao cougar34 ho appena letto la tensione in uscita dallo statore posizionando il multimetro in tensione alternata facendo tutti le varie combinazioni dei tre fili gialli mi dava 26-27
    Test effettuato a motore acceso
    Non so più quale prova fare

    1. Ciao Vincenzo,
      da come mi hai descritto e, se alla batteria arrivano sui 14V a motore acceso ed a medi giri al minuto, il problema probabilmente è da attribuire alla batteria che non riesce più ad accumulare corrente. Controlla che non ci siano dispersioni nel circuito elettrico oppure lampade con assorbimento maggiore rispetto alle originali.
      Quando cambierai la batteria leggi l’articolo come “fare durare di più la batteria”, potrebbe interessarti
      L’articolo su come attivare la batteria

  8. Ciao cougar grazie per aver risposto I volt della batteria a motore acceso sono 12.44..
    Inoltre come si controlla che non ci siano dispersioni nel circuito elettrico ?

    Grazie mille un caro saluto

    1. Per cercare delle dispersioni dei metterti alla ricerca col tester, comunque se alla batteria arrivano solo 12.44 volt allora non è la batteria il problema, adesso non conosco le specifiche del tuo modello ma direi che è lo statore che è andato, controlla su un manuale se la resistenza degli avvolgimenti è quella che hai trovato tu.

  9. Salve, ho letto quest’articolo molto utile anche a me che per cambiare una lampadina mi servono le istruzioni… secondo lei queste analisi potrebbero servire anche nel mio caso? Espongo il problema: da un anno il mio Hexagon Piaggio 180 a 2 tempi parte tranquillamente ma attorno agli 80km/h si spegne. Con pazienza lo riavvio e riparte ma il problema è sempre più presente (e alla fine ho fulminato la batteria). Il meccanico (anzi, due) non ha riscontrato problemi meccanici, pensa si tratti di impianto elettrico, mi ha cambiato una bobina (nessun miglioramento), quindi mi ha consigliato di rottamarlo perchè se cominciamo a cambiare lo statore, il regolatore eccetera alla fine ne compro uno usato e faccio prima. Il problema è che tre anni fa ho rifatto il cilindro pensando di sfruttarlo qualcosa di più… Che dice, le sovviene qualche suggerimento o approfitto dei saldi? Grazie

    1. Purtroppo non conosco lo scooter nello specifico, però se dopo una certa velocità si spegne e prima invece il problema non si presenta assolutamente non credo che sia un problema da imputarsi allo statore o al regolatore di pressione, però fa delle prove con il tester collegato alla batteria in modo da poter leggere le tensioni e prova ad arrivare a 80 km/h, così vedi se le tensioni sono costanti. se la tensione si aggira sui 14v puoi escludere statore e regolatore di tensione. hai smontato la candela? potrebbe essere il pickup che superato un certo regime di rotazione non manda segnale. oppure potrebbe essere un problema di carburazione (una bella pulita al carburatore ti potrebbe aiutare) di possibili problemi ce ne sono tanti, devi piano piano indagare, e magari cambia meccanico, perchè da quello che mi hai detto hai trovato dei sostitutori di pezzi e non dei meccanici

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*
*