Cougar34/ Settembre 26, 2018/ Elaborazioni/ 0 comments

Come modificare il rapporto di compressione

Aumentare il rapporto di compressione è una delle elaborazioni sui motori a benzina che porta migliorie tangibili sin da subito.

L’aumento di questo rapporta migliora il rendimento termico del motore, una variazione non lineare ma molto importante fino all’arrivo a rapporti vicino a 10:1, andando oltre l’aumento del rendimento termico diminuisce molto velocemente per diventare quasi costante raggiunto il valore di 15:1.

Se non sapete cosa sia e a cosa serva leggete l’articolo sottostante:

COS’E’ IL RAPPORTO DI COMPRESSIONE

Innanzitutto dobbiamo pensare a cosa cerchiamo dal nostro motore e perchè vogliamo aumentare il rapporto di compressione.

Sui motori turbo di solito si può pensare di diminuirlo per poter usare pressioni molto più alte, come si fa anche quando si trasforma in compresso un motore aspirato.

Nell’elaborazione dei motori aspirati si aumenta per aumentarne l’efficienza termica.

Prima di fare qualsiasi modifica dobbiamo per prima cosa misurare il rapporto di compressione “standard” di partenza:

MISURARE IL RAPPORTO DI COMPRESSIONE

Una volta avuto il valore standard sappiamo da dove partiamo, dobbiamo pensare a che motore vogliamo fare e quindi a dove vorremmo arrivare.
Un motore sportivo un ottimo valore è già 11:1, oltre con le benzine di bassa qualità si avrà il rischio di avere battiti in testa o, peggio ancora, avere vere e proprie autoaccensioni con i danni che ne comportano.
Per un motore che usa benzine più raffinate con un buon valore di squish e che viene controllato molto spesso, quindi diciamo uno agonistico ci si può spingere fino a 13:1 ma il motore deve essere fatto perfettamente. Per rapporti superiori bisogna usare benzine speciali ad altissimo numero di ottani, come l’uso del metanolo con rapporti di 15:1

Un modo semplicissimo per aumentare il rapporto di compressione è quello di abbassare la testata. In rettifica di solito si spiana il meno possibile anche meno di un decimo di millimetro se la testata lo permette (se la testata è già “in piano”) nelle modifiche volte all’aumento del rapporto di compressione si punta ad abbassamenti dell’ordine di 4-7 decimi di millimetro.
Su motori poco compressi anche 1 mm che è tantissimo, per fare un esempio il classico FIRE 1.2 della punto prima serie che passa da circa 9,5:1 a circa 10,5:1 togliendogli 10 decimi. Scrivo circa perché non tutti i motori sono identici e i valori possono variare. Vanno misurati motore per motore.

Si possono utilizzare guarnizioni testata con spessori differenti.

Un altro modo per aumentare il rapporto di compressione è l’ampliamento dell’area di squish, e qui viene il difficile: va apportato materiale tramite saldatura nella camera di scoppio e se prendiamo in considerazione un 4 valvole per cilindro possiamo immaginare che lo spazio a disposizione è davvero poco dove apportare materiale per ampliare l’area di squish, ma anche se poco aumenta notevolmente il rapporto di compressione ma deve essere fatto da mani davvero esperte perché lo squish deve andare d’accordo con il cielo del pistone. Vi rimando all’articolo su COME MODIFICARE LO SQUISH .

Un ulteriore modo per aumentare il rapporto di compressione è quello di montare pistoni speciali più alti in base a quello che cerchiamo, possiamo contattare i vari produttori come Vertex, Pistal, JE Pistons ecc. chiedendo i pistoni ad alta compressione (AC) per il nostro specifico motore.

Lo stesso risultato possiamo ottenerlo montando una biella più lunga, ma poco usato, di solito questa modifica serve per trasformare i motori aspirati in compressi: prendendo una biella più corta si diminuisce il rapporto di compressione in modo da poter sovra alimentare il motore.

Ultimo modo per aumentare il rapporto di compressione è quello di mettere un albero motore con corsa maggiore dell’originale, sempre se in camera di manovella ci sia abbastanza spazio, così facendo oltre che aumentando il rapporto di compressione si aumenterà anche la cilindrata con tutti i vantaggi che ne conseguono.

Torna alla sezione ELABORAZIONI

Share this Post

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*
*